Fisica dell’aspra comunione

ballo della Compagnia Mòra

coreografia di Claudia Castellucci
musica tratta da Olivier Messiaen,
con un fastigio di Stefano Bartolini
danzatori Sissj Bassani, Silvia Ciancimino, René Ramos,
Francesca Siracusa, Pier Paolo Zimmermann
pianista Matteo Ramon Arevalos

direzione tecnica, luci Eugenio Resta
tecnica Francesca Di Serio, Gionni Gardini, Caterina Soranzo
direzione alla produzione Benedetta Briglia
organizzazione Camilla Rizzi
produzione Societas

foto Nicolò Gialain

Il ballo percorre uno schema di movimenti dedotti dal Catalogue d’Oiseaux che Olivier Messiaen compose per il pianoforte tra il 1956 e il 1958 , dopo una prolungata osservazione e annotazione sul pentagramma del canto degli uccelli. Le emissioni vocali degli uccelli siglano ritmi che conducono a una interpretazione contemplativa e a-mensurale della danza. Non è possibile confidare in una memoria schematica, perché i ritmi sono imprevedibili. Eppure la libertà del canto degli uccelli può essere presa a modello e ‘imparata’, a patto che si viva la danza con un senso di permanenza nell’ ‘ora’, indifferente alla misura, e attento al ritmo soltanto. Ciò che intendiamo imparare dagli uccelli è la disposizione ad accadimenti sempre attuali, senza proiezioni miranti a traguardi futuri, per una consumazione piena dell’ ‘ora’. Si ha anche l’impressione che ogni parte del canto degli uccelli abbia un valore identico, in termini di importanza, da cui deriva un senso di continuità assoluta, che nessun intervallo, né pausa, possono interrompere.

I Danzatori di Fisica dell’aspra comunione prendono ora a modello questa continuità, perciò devono evitarne la più piccola rottura, o pause tecniche, simili alle prese di fiato dei cantanti. Essi consumano il ballo grazie a decisioni più rapide del linguaggio verbale, là dove il tempo della volontà diventa tutt’uno con quello della realtà effettiva, fisica e ambientale, calandosi nell’ ‘ora’. Consumando l’ ‘ora’, per rimanere molto più a lungo di un istante in ogni istante. Allora si tratta: tra intelligenza e avventura. E cogliendo, come Messiaen, la vita recondita degli uccelli, tra ramo e ramo, osserviamo anche che il volo di questi esseri alati è un moto che va soltanto “in avanti”: questo indica la continuità della linea motoria e la franchezza dello stare e dell’andare di fronte al prossimo.

Estratto video


Fisica dell’aspra comunione debutterà in prima assoluta alla Biennale di Venezia 2020 – 14. Festival internazionale della Danza Contemporanea diretto da Marie Chouinard in occasione della consegna del Leone d’Argento a Claudia Castellucci.

07/11/2020 - 07/11/2020

Cango, Firenze IT

Fisica dell’aspra comunione

http://www.virgiliosieni.it/cango/

Archivio

<