Edipo
per quattro voci femminili
da Edipo re di Sofocle

da un’idea di Chiara Guidi
in dialogo con Vito Matera

suoni originali Scott Gibbons
scene luci e costumi Vito Matera
con Angela Burico, Chiara Guidi,
Anna Laura Penna, Sveva Zimmermann

produzione Societas

NUOVA PRODUZIONE

 

Nella tragedia sofoclea nulla di quanto viene detto è visto, e la peripezia si affida

alla parola e al suono della voce. Lo chiede Edipo: “Voglio indagare su ogni parola”,

per cui l’atto e il modo o la facoltà di parlare, la locutio, diventano immagine verbale

e musicale, un corpo sottile, fatto di aria che conduce l’eroe all’agnizione.

Solo con la voce – la lettura di lettere, sillabe, vocali, consonanti che, come nei miti cosmogonici, nella

loro unità minima e sonora portano il mistero della rappresentazione del mondo – Edipo scopre la

verità del proprio destino:

l’essere figlio immaginario di suo padre.

Lo scopre con una voce che viene dalle viscere, da un interno che non può

in nessun modo coincidere con quanto l’occhio può vedere e capire.

La bocca si apre. La voce esce e, con il suo suono, riconduce l’enigma a sé stesso complicandolo.

 

Edipo: processo di lavoro 2016-18
L’avvio di questo lavoro ha preso le mosse alla fine del 2016 in occasione del laboratorio condotto da Chiara Guidi e dal musicista e compositore Scott Gibbons, nell’ambito di Osservatorio Màntica, al Teatro Comandini di Cesena. L’idea della regista è stata quella di sviluppare da allora nuclei di ricerca e creazione in contesti diversi, assieme a collaboratori e partecipanti di formazione eterogenea, per approdare all’interno di Màntica 2018 (dicembre) alla realizzazione di una nuova messa in scena in dialogo con Vito Matera. Dopo le registrazioni realizzate in occasione di quel primo laboratorio, nell’arco del 2017 il processo di lavoro ha avuto il seguente svolgimento: da gennaio ad aprile, in collaborazione con Vito Matera, Chiara Guidi ha realizzato un laboratorio teatrale con trenta giovani universitari e – assieme alla musicologa Alessandra Fiori e l’Ensemble musicale Color Temporis, presso il Teatro La Soffitta dell’Università di Bologna – ha allestito Edipo tiranno di Sofocle con i cori di Andrea Gabrieli; in settembre, a Milano, Chiara Guidi ha condotto una sessione di ricerca assieme a un gruppo di giovani attori professionisti all’interno delle attività della Trame Temporary School, per il Festival Tramedautore; nell’ambito di Màntica 2017 la regista, in collaborazione con l’architetto del suono Carlo Carbone, ha condotto un laboratorio sulle parole di Edipo in diversi e significativi contesti acustici della città di Cesena raccogliendo registrazioni utili per la realizzazione dello spettacolo.

<