All’ascolto

 

corso di formazione per insegnanti a cura di Chiara Guidi

foto Scott Gibbons

Il titolo, tratto da un libro di Jean-Luc Nancy, indica un’azione: tendere l’orecchio per cogliere nei suoni un senso possibile che, anche se non immediatamente accessibile, dilata il pensiero. Viviamo in un oceano di suoni. Tutto vibra e vibrando porta un senso. All’orecchio è chiesto di vedere, toccare, sentire. Occorre ascoltare. Con l’ascolto cambia il nostro rapporto con le cose, con il mondo e con il nostro corpo che, se risuona crea una relazione non solo con ciò che è fuori di sé ma anche in sé.

 

Totale ore: 25

Luogo: Teatro Comandini, Cesena

 

Calendario e Docenti:

 

Giugno 2017 _ dalle 9.00 alle 12.00

12 giugno

Chiara Guidi Stare all’ascolto esige una capacità di attesa che si astiene dal chiarificare subito ogni cosa. Esercizi pratici di ascolto di fronte a una immagine.

 

13 giugno

Enrico Malatesta  Suono-corpo-spazio. Esercizi pratici di ascolto.

Enrico Malatesta (1985). Percussionista e ricercatore indipendente attivo in ambiti sperimentali posti tra musica sperimentale, performance e pedagogia; la sua pratica esplora la relazione tra suono-spazio-movimento e la vitalità dei materiali con particolare attenzione alle modalità di ascolto e alla definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile allo strumento percussivo. http://enricomalatesta.com/

 

27 giugno

Chiara Guidi Risuonare: essere sé e, allo stesso tempo, altro da sé. Come un colore cambia al contatto con un altro colore e una immagine si trasforma nel contatto con un’altra immagine, così non c’è arte dell’ascolto senza trasformazione.

 

28 giugno

Lucia Amara Timbrica dell’insegnamento. Riattraversare il canale auditivo come uno dei canali privilegiati dell’esperienza didattica. La timbrica, la grana della voce, il pathos delle corde vocali sono strumenti di trasmissione delle conoscenze. Tra orecchio e orecchio c’è la voce del maestro. Anche senza libro e senza scrittura

Insegnante di Lettere. Vive e lavora a Bologna. Tra il 2005 e il 2008 svolge un dottorato sulle glossolalie artaudiane al DAMS, in collaborazione con il Doctorat d’Histoire et Sémiologie du Texte et de l’Image di Paris VII. Si occupa di vocalità, e di connessioni nel linguaggio e tra linguaggi.

 

29 giugno

Chiara Guidi Stare all’ascolto e trarre dai rumori e dai silenzi che ci circondano le tracce dell’armonia del mondo.

 

Settembre 2017 _ dalle 15.00 alle 17.30

4 settembre

Chiara Guidi La voce nella sua purezza originaria è puro suono. Essa indica un’intenzione di significato e diventa il luogo da cui proviene non la parola ma la “poesia”.

 

5 settembre

Chiara Guidi Proiezione di una selezione di scene del film documentario “A scuola” di Leonardo Di Costanzo e del film “Matti da slegare” di Marco Bellocchio.

 

6 settembre

Roberta Ioli Di fronte alla parola degli antichi: ascolto, verità, incantamento.

Laureata in Lettere classiche e in Filosofia presso l’Università degli Studi di Bologna, i suoi interessi si sono concentrati soprattutto sulla filosofia presocratica, sullo scetticismo antico e la sua ricezione in età moderna. Collabora attualmente con case editrici, per le quali ha realizzato revisioni scientifiche e critiche. Insegnante di filosofia e storia e traduttrice dall’inglese per la casa editrice Dedalo, ha pubblicato due raccolte poetiche, L’atteso altrove e Radice d’ombra.

 

7 settembre

Chiara Guidi Consonanza. La musica non esiste nel vuoto ma deve entrare in relazione con gli individui e con la società.

 

In collaborazione con MIUR- Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Archivio

<